Convenzione INPS: Tempi di erogazione della cessione del quinto della pensione INPS

Aggiunto da Reporter

0 recensioni

Pubblicato in Finanza

Contact Attività Owner

Contact the Attività Owner

To inquire about this attività, complete the form below to send a message to the attività owner.


Grandi notizie per i lavoratori ritiratisi in pensione!

Fra le differenti gamme di prestito che il mercato creditizio propone adesso, il pensionato si ritrova assiduamente a non sapere quale prediligere, perché non capisce quale sia il più appropriato alle proprie necessità.

La convenzione INPS è stata pensata proprio per facilitare questo tipo di determinazione e tra i maggiori benefici prevede dei tempi di erogazione della cessione del quinto della pensione INPS ridotti a soli venti giorni lavorativi (per quanto concerne gli istituti di credito eroganti, fanno cioè eccezioni i tempi che impiega l’Inps stessa per gli adempimenti di propria competenza).

Enumeriamo brevemente di seguito altri vantaggi della cessione del quinto della pensione INPS:
• non c’è bisogno di nessuna garanzia
• nel caso di scomparsa prematura del titolare del prestito il passivo viene chiuso da un’assicurazione (pertanto non pesa sui parenti);
• opportunità di richiesta consentita anche ai cattivi pagatori e a coloro che hanno ulteriori prestiti in essere;
• nessun costo di pagamento rata;
• trafila di richiesta semplificata (sono necessari unicamente un documento d’identità, il C.F. ed il cedolino della pensione);
• possibilità di interpellare istituti convenzionati;
• opportunità di chiedere cifre notevoli (maggiori dei prestiti personali).

APPROFONDIAMO I TEMPI DI EROGAZIONE DELLA CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INPS

Il processo di istruttoria della pratica si articola in cinque fasi, che riportiamo corredate dalle rispettive tempistiche:
1. preventivo (entro le 24 ore);
2. firma della pre-contrattuale (entro le 24 ore, secondo la disponibilità del risparmiatore);
3. firma del contratto (entro 7 giorni, secondo la disponibilità del risparmiatore);
4. lettera di benestare (entro 10 giorni, secondo la tempistica dell’INPS);
5. liquidazione del prestito (entro 24 ore, dalla ricezione della lettera di benestare).

Come detto sopra, i tempi di erogazione della cessione del quinto della pensione INPS possono dilatarsi, in caso di problemi col database dell’Inps, durante gli stadi in cui la pratica passa all’ente di previdenza, ed è bene dire fin da subito che ciò avviene circa nel 30% dei casi.

Per informarsi meglio sulla convenzioni Inps e visitare il sito del “Credito in Convenzione”: clicca qui.

Il maggior vantaggio di ricorrere alla convenzione rimane comunque il tasso agevolato sulla cessione del quinto della pensione INPS, che l’ente stesso ha concordato con i primari istituti di credito su piazza, dei quali indichiamo i principali: Intesa San Paolo, Unicredit, IBL Banca e Santander.

La convenzione INPS conferisce la possibilità ai pensionati di prendere dei prestiti a tasso agevolato, intorno al 4% di spread.

Lo spread muta al variare dell’età e del sesso del pensionato e, in tutta evidenza, della banca che si sceglie.

La convenzione INPS favorisce anche i pensionati degli enti previdenziali da ultimo fusi all’Inps stessa, che citiamo a beneficio dei loro assistiti:
• CNPR
• INPDAI
• ex-INPDAP
• IPOST
• ENPALS
• EPPI
• ENPAM
• ENASARCO

Da uno studio dell’Istat è stato segnalato che in Italia un numero sempre superiore di pensionati si trova nella situazione tentare di avere un prestito per affrontare innumerevoli incombenze, che possono andare da una semplice ristrutturazione edile al sempre più frequente aiuto ai propri figli e nipoti, spesso disoccupati.

Per tal motivo negli ultimi tempi , tanti pensionati si sono rivolti al credito al consumo, incontrando non di rado diverse barriere, tra le quali, in molti casi, interessi al limite dell’usura.

Per fortuna, da un po’ di tempo, in caso di bisogno anche i percettori di pensione, oltre che i dipendenti privati statali e pubblici, possono avere nuova liquidità tramite la cessione del quinto.

Con la cessione del quinto della pensione, si può ottenere un prestito che si può pagare con rate fino a dieci anni (e minimo in due anni, per i prestiti di importo ridotto), con molteplici benefit:
• Tasso fisso
• Rate costanti (tutti i mesi si corrisponde lo stesso importo, senza sorprese)
• Trattenuta diretta sulla pensione (nessun bollettino, nessun assegno e niente bonifici )
• Non occorre aprire un nuovo conto corrente.

Ricevere una cessione del quinto attraverso le Banche che hanno sottoscritto la convenzione INPS è decisamente conveniente, poiché il risparmio conseguito sugli interessi è ragguardevole.

In questo modo il pensionato, a parità di cifra richiesta, si ritroverà a corrispondere una rata decisamente più leggera, confrontata con quella che avrebbe avuto orientandosi verso banche non convenzionate.

Come ha comunicato anche il più autorevole quotidiano economico italiano, Il Sole 24 ore, in questi ultimi anni, in Italia come in molti altri paesi dell’Unione Europea, l’incremento delle richieste di cessione è particolarmente significativa.

Per chiedere una cessione del quinto della pensione, tramite istituti di credito convenzionati (attenzione, non tutte le banche e le finanziare convenzione sono presenti in ogni provincia italiana), è bastante essere titolari di un trattamento previdenziale INPS e non avere superato i 75 anni anagrafici.

Aggiungi la tua recensione

Please login or register to add your review.

Vai alla barra degli strumenti